giovedì 31 marzo 2016

Dibattito con il Governo sull'Isee



Stamattina lo Studio Legale del Prof. Sorrentino ha notificato al Governo e all’INPS la Sentenza n. 842-16 del Consiglio di Stato, per arrivare nei tempi di legge al ricorso di giudizio per ottemperanza della stessa Sentenza
Anche a livello istituzionale siamo riusciti a sollevare e mantenere alta l’attenzione tanto che da parte di numerosi Parlamentari è stata promossa la presentazione alla Camera dei Deputati di Mozioni volte ad impegnare il Governo all'immediato rispetto delle indicazioni della Magistratura. 
Il Governo ha risposto attraverso il Sottosegretario al Welfare, Franca Biondelli, discutendo – in modo estremamente fazioso - le varie Mozioni ed imponendo al suo parere favorevole le proprie condizioni. 
Difatti CHIUNQUE abbia inserito nella propria Mozione un termine per il rispetto della Sentenza del Consiglio di Stato, si è visto riformulare dal Governo la stessa Mozione con l'esclusione di qualsiasi scadenza. 
Questo chiarisce in termini inequivocabili che il Governo intende continuare a prendere tempo e a far cassa sulle persone e famiglie con disabilità ma noi non intendiamo permetterglielo! 
Un altro aspetto di estrema gravità è stata la riformulazione di TUTTE le Mozioni che prevedevano la possibilità di attivare procedure per i risarcimenti. 
Ultimo aspetto, ma non per importanza, è stata la riformulazione di TUTTE le Mozioni che chiedevano l'ascolto diretto delle famiglie interessate al provvedimento. 
Le riformulazioni hanno previsto, invece, il confronto NUOVAMENTE ED ESCLUSIVAMENTE, con le stesse Associazioni pseudo-indipendenti che con il Governo questa iniquità hanno costruito E PRODOTTO!
Ricordiamo che blindare il confronto con gli stessi – ED ILLEGITTIMI – interlocutori, evidenzia l'assoluta mancanza di volontà del Governo di confrontarsi con i VERI portatori d'interessi e che tale atteggiamento è già all'attenzione della Comitato ONU, al quale abbiamo presentato uno specifico ricorso, che individua proprio nell'illegittimità della controparte l’illegalità di quanto il confronto potrebbe produrre in quanto controparte priva di quei requisiti di autonomia ed indipendenza espressamente prescritti dalla Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità. 
Nel ricordare che è possibile visionare l'intero dibattito sul sito webtv.camera.it del 31.03.2016 dalle ore 12:55:07 in poi, sono stati scelti gli interventi più significativi.



Intervento del Governo 
video


intervento On. Binetti (NCD-UDC)
video

Intervento on. Nicchi (Sinistra Italiana-SEL)
video

intervento on. Di Vita (Movimento 5 Stelle)
video











23 commenti:

  1. Il CANTASTORIE TOSCANO non conosce vergogna! Stanno temporeggiando. Temo che faranno di tutto per fregarci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Calma e gesso, si sta lavorando alacremente.
      Intanto, ma è una notizia in attesa di verifica, l'INPS ha dato la possibilità di CORREGGERE l'isee secondo le sentenze. Questa è la procedura:
      - Andare sul sito dell'INPS www.inps.it
      - Cliccare, nella sezione "servizi online", su "accedi ai servizi"
      - Nel menu di sinistra cliccare su "servizi per il cittadino"
      - inserire il codice fiscale ed il PIN della persona interessata
      - Cliccare - cercandolo nell'elenco principale - su "ISEE 2015"
      - Nella sezione "gestione" cliccare su "apri il fascicolo"
      - Nella sezione "ricerca il fascicolo" cliccare su "apri il fascicolo"
      - Nella sezione "azioni" cliccate sul simbolino blu con la chiave inglese e quindi su "contestazione"
      - Correggete le cifre che volete contestare (mettendo a 0 le indennità)
      - Nel menu a sinistra andate su "sottoscrizione" e nelle note inserite che avete detratto le indennità e che richiedete - nel caso di disabili maggiorenni - l'applicazione delle franchigie massime (per suggerimenti vedi foto)
      - Confermate e salvate la ricevuta

      Elimina
  2. Non ho capito se avv. Sorrentino ha gia presentato o intende presentare un ricorso in tribunale ad INPS e Governo per la fattispecie di "Giudizio di Ottemperanza" o "Obbligo di Ottemperanza" della sentenza del CDS del 29 feb 2016.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a breve daremo tutte le notizie dettagliate.
      Intanto l'INPS ha dato modo di correggere l'isee secondo le sentenze. Questa è la procedura:
      - Andare sul sito dell'INPS www.inps.it
      - Cliccare, nella sezione "servizi online", su "accedi ai servizi"
      - Nel menu di sinistra cliccare su "servizi per il cittadino"
      - inserire il codice fiscale ed il PIN della persona interessata
      - Cliccare - cercandolo nell'elenco principale - su "ISEE 2015"
      - Nella sezione "gestione" cliccare su "apri il fascicolo"
      - Nella sezione "ricerca il fascicolo" cliccare su "apri il fascicolo"
      - Nella sezione "azioni" cliccate sul simbolino blu con la chiave inglese e quindi su "contestazione"
      - Correggete le cifre che volete contestare (mettendo a 0 le indennità)
      - Nel menu a sinistra andate su "sottoscrizione" e nelle note inserite che avete detratto le indennità e che richiedete - nel caso di disabili maggiorenni - l'applicazione delle franchigie massime (per suggerimenti vedi foto)
      - Confermate e salvate la ricevuta

      Elimina
    2. non è cosi semplice...infatti nelle dsu attestate o fatte da caf non è possibile modificare..(provato ora)...quindi non rimane che attendere vostre info ..grazie :-)

      Elimina
  3. Io sono d'accordo con Maxcuba, soprattutto sul fatto che stanno studiando sul come fregarci di nuovo nonostante la sentenza del CDS e ne hanno tutto il tempo e sapete perchè? Per quello che so (spero di sbagliarmi) per presentare istanza volta ad ottenere il giudizio di ottemperanza devono intanto trascorrere 30 giorni dal giorno in cui l'avvocato ha notificato tramite ufficiale giudiziario al Governo e all'Inps la sentenza passata in giudicato. Dopodichè sarà presentata dall'avvocato la richiesta del giudizio di ottemperanza al Tar di Roma, e ancora dopo dobbiamo attendere che il Tar emani il decreto. Sicuramente non sarà una cosa immediata!!!!
    Noi siamo considerati un fastidio per il governo, anzi ultimi da considerare!!!
    Secondo me dovremmo sollevarci tutti con i nostri familiari in una sommossa non di un giorno ma duratura sotto i palazzi del governo e con noi insieme le nostre associazioni!!! Dobbiamo far sentire la nostra voce!! Altrimenti il nostro gioire per una giusta sentenza che abbiamo ottenuto, finirà nel nulla e continueremo ad essere esclusi dalle agevolazioni cui abbiamo diritto!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Comprendo il pessimismo ma, intanto, l'INPS ha dato modo di correggere l'isee secondo le sentenze. Il procedimento è laborioso ma con un po' di pazienza si può fare. Siamo in attesa della conferma sul documento corretto ed a giorni pubblicheremo tutto. Intanto queste sono le indicazioni dell'INPS: - Andare sul sito dell'INPS www.inps.it
      - Cliccare, nella sezione "servizi online", su "accedi ai servizi"
      - Nel menu di sinistra cliccare su "servizi per il cittadino"
      - inserire il codice fiscale ed il PIN della persona interessata
      - Cliccare - cercandolo nell'elenco principale - su "ISEE 2015"
      - Nella sezione "gestione" cliccare su "apri il fascicolo"
      - Nella sezione "ricerca il fascicolo" cliccare su "apri il fascicolo"
      - Nella sezione "azioni" cliccate sul simbolino blu con la chiave inglese e quindi su "contestazione"
      - Correggete le cifre che volete contestare (mettendo a 0 le indennità)
      - Nel menu a sinistra andate su "sottoscrizione" e nelle note inserite che avete detratto le indennità e che richiedete - nel caso di disabili maggiorenni - l'applicazione delle franchigie massime (per suggerimenti vedi foto)
      - Confermate e salvate la ricevuta

      Elimina
  4. Io sono d'accordo con Maxcuba, soprattutto sul fatto che stanno studiando sul come fregarci di nuovo nonostante la sentenza del CDS e ne hanno tutto il tempo e sapete perchè? Per quello che so (spero di sbagliarmi) per presentare istanza volta ad ottenere il giudizio di ottemperanza devono intanto trascorrere 30 giorni dal giorno in cui l'avvocato ha notificato tramite ufficiale giudiziario al Governo e all'Inps la sentenza passata in giudicato. Dopodichè sarà presentata dall'avvocato la richiesta del giudizio di ottemperanza al Tar di Roma, e ancora dopo dobbiamo attendere che il Tar emani il decreto. Sicuramente non sarà una cosa immediata!!!!
    Noi siamo considerati un fastidio per il governo, anzi ultimi da considerare!!!
    Secondo me dovremmo sollevarci tutti con i nostri familiari in una sommossa non di un giorno ma duratura sotto i palazzi del governo e con noi insieme le nostre associazioni!!! Dobbiamo far sentire la nostra voce!! Altrimenti il nostro gioire per una giusta sentenza che abbiamo ottenuto, finirà nel nulla e continueremo ad essere esclusi dalle agevolazioni cui abbiamo diritto!!!

    RispondiElimina
  5. Uno stato in cui non vengono rispettate le sentenze passate in giudicato
    " NON E' UNO STATO DI DIRITTO!!!
    Dobbiamo rassegnarci al fatto che la giustizia nel nostro paese non esiste per tutti!!!

    RispondiElimina
  6. Scusate, ma non é possibile portare la cosa all'attenzione delle trasmissioni tipo l'arena di Giletti, Striscia la Notizia, Prima Porta di Vespa, Virus, Matrix ecc...
    insomma battere sulla televisione.con chi ha il coraggio di farlo?

    RispondiElimina
  7. È una ottima idea!! Qualcuno che ha un aggancio si faccia avanti per portare il problema all'attenzione de midia!! Ci sarà pure un giudice a Berlino che faccia giustizia
    per i poveri invalidi visto che in Italia il governo se ne frega delle sentenze passate in
    giudicato!!!!

    RispondiElimina
  8. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  9. DOBBIAMO TENERE ALTA L'ATTENZIONE SUL PROBLEMA

    D'ACCORDISSIMO CON IL CAPITANO KIRK .. SCRIVIAMO TUTTI INSIEME A STRISCIA LA NOTIZIA.

    RispondiElimina
  10. Insieme siamo più forti..non sò se possa arrivare ad aiutare ma almeno voglio rendermi utile per questa giusta causa e fa conoscere quanto avete fatto e state facendo...e chi meglio del difensore della costituzione dovrebbe farla attuare ;-)

    https://www.change.org/p/presidente-della-repubblica-mattarella-isee-e-disabili-vergogna-di-stato-intervenga-mattarella?recruiter=522558902&utm_source=share_petition&utm_medium=copylink

    RispondiElimina
  11. Mattarella dove sei, non vedete che non osa dire nulla su tutto.....
    adesso si butteranno 200 milioni per il referendum del 17 Aprile.....
    Mattarella poteva "Obbligare" il governo ad unire con le votazioni del 5 Giugno.
    Oltre all TV bisogna insistere con i giudici e cercare di obbligare INPS a modificare il SW ISEE (vedi avv. Sorrentino)
    Vincenzo

    RispondiElimina
  12. Ho fatto una petizione su change.org speriamo serva perché io con questo isee sono fuori dai parametri per i diritti

    RispondiElimina
  13. Non vorrei deludere questa iniziativa change.org, ma è solo perdita di tempo, per sperare di sbloccare la situazione bisogna andare davanti ad un giudice (vedi iniziativa Avv. Sorrentino) e sperare che il governo e INPS, per paura di ritorsioni pranda delle decisioni in merito.
    In italia in questo momento esiste la magistratura e i referundum per far svuomere qualcosa o le azioni dei "Controllori" dei M5S al governo.
    Il resto in rete è solo perdita di tempo
    vincenzo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. concordo, sono una totale perdita di tempo. Le indicazioni per reagire sono quelle di informare le persone dei loro diritti.

      Elimina
  14. Nokmn so se la mia idea può funzionare.Ve lasciare sottopongo. Un parlamentare del Movimento
    5 stelle potrebbe porre il problema nel question tame che si svolge il mercoledi






























    parlamento. Sottoponendo il problema al ministro Poletti chiedendogli perché ancora non hanno provveduto a rispettare una sentenza definitiva e dare istruzioni alla Inps
    affinché modifichi il programma. I comuni non sono disposti ad aspettare ancora.

    RispondiElimina
  15. Volete capirlo che il responsabile dela mancanza del rispetto della sentenza del CDS è il ministro Poletti che è stato l'artefice di tutto questo disastro a carico dei disabili!!!
    Ed ora se ne sta fregando di noi nonostante la sentenza,!!! Attacchiamolo sul web, su twitter, su facebook, ma facciamolo, cosi tutti
    sapranno che ministro abbimo, un ministro che se ne frega del CDS e della sentenza.Se facciamo questo sul web tutti noi compresi i nostri familiari, tutti i giorni , forse riusciremo a smuovere il governo!!!

    RispondiElimina
  16. Io nn riesco a modificare il mio isee. Nella sezione "gestione del fascicolo" nn trova nessuna dichiarazione. me la trova solo in quella "consultazione" e non me la fa modificare. Come devo fare?

    RispondiElimina
  17. Credo sia corretto riportare la circolare del 27 luglio attraverso la quale l'INPS comunica che l'ISEE verrà ricalcolato.
    Ritengo utile sottolineare che sono esclusi dal ricalcolo tre casi.
    E' bene che tutti gli interessati leggano la circolare:

    http://www.inps.it/CircolariZIP/Circolare%20numero%20137%20del%2025-07-2016.pdf

    RispondiElimina